Auto sportive: quanto costa la manutenzione?

Gli italiani amano le auto sportive e, quando è possibile, spendono non poco per accaparrarsi un’auto bella fiammante. Questa passione, però, è molto dispendiosa e non solo per quanto riguarda la spesa iniziale. La manutenzione costa, ma per fortuna negli ultimi anni almeno per quanto riguarda i ricambi racing delle auto ci si può rivolgere alla rete per risparmiare qualcosina.

Quando si parla di manutenzione di un’auto lo si vuole intendere sotto tutti i punti di vista, da quello più propriamente banale a quello più particolare e, quindi, degno di nota. Un metodo efficace per far manutenzione alla nostra auto sportiva è proprio quello di mettere in atto una guida meno aggressiva, che stresserà meno noi ma anche il motore, le gomme dell’autovettura e di conseguenza ridurrà i consumi nel lungo termine.

Da evitare assolutamente qualsiasi incidente; sembra banale uscirsene così, ma anche se i danni risultano riparabili, questi possono comunque compromettere la nostra auto riducendone le prestazioni e destabilizzando un ottimale comportamento alla guida. Per quanto riguarda l’aspetto esteriore della nostra auto sportiva, ciò che più accomuna gli appassionati delle quattro ruote, oltre la potenza, è senza ombra di dubbio la lucentezza del colore e, dunque, il “vestito” col quale si presenta la nostra auto. Per poter mantenere al meglio la nostra vettura occorre essenzialmente pulirla; la vernice non solo da colore e bellezza all’auto ma è senz’altro ciò che protegge il metallo della nostra auto sportiva.

Per questo motivo è bene scegliere un buon lavaggio per avere una vettura perfettamente pulita e lucente al punto giusto. Anche nell’asciugare la nostra auto, il consiglio di primaria importanza è quello di aprire le portiere del mezzo in modo da far fluire l’acqua del lavaggio esternamente ed evitare così che le infiltrazioni possano logorare, col tempo, le giunture metalliche.

Per quanto riguarda la componentistica, è importante riparare o cambiare, ove necessario, ciò che funziona male quanto prima possibile.  Piccole cose come la tappezzeria sgualcita o strappata, difetti elettrici o pezzi di serie rotti, possono col tempo peggiorare le condizioni del nostro veicolo. Un malfunzionamento ne richiama a breve un altro, e nel giro di poco sarete costretti a dover cambiare auto.

Non c’è dunque bisogno di essere dei meccanici professionisti o di dover essere esperti del settore per capire che la miglior manutenzione passa essenzialmente dalla nostra minuzia di dettagli. Maggiormente si farà attenzione agli strani rumori, agli odori insoliti o alle ambigue vibrazioni della vettura e più scrupolosamente la tratteremo come la nostra amata donna, la ritroveremo di volta in volta con l’ottimale efficienza di sempre.

C’è comunque da ricordare che effettuare un intervento fuori garanzia o sostituire completamente delle componenti può arrivare a costare migliaia di euro o addirittura decine di migliaia di euro. Sostituire la cinghia di distribuzione su una Ferrari 348 (operazione da effettuare ogni 40.000 chilometri secondo la Casa) richiede di smontare l’intero motore dalla vettura e ovviamente un preventivo da salasso.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*