Il periodo migliore per andare alle Bahamas

Cosa vedere alle Bahamas a bordo del vostro yacht preso a noleggio

Le Bahamas sono un arcipelago dell’Oceano Atlantico, è composto da oltre 700 tra isole e isolotti, oggi conosciuto come uno noto paradiso caraibico dove si può trovare un mare inconfondibile dai colori azzurro cristallino e spiagge da sogno che regaleranno una vacanza esotica assolutamente indimenticabile.

Durante questi mesi invernali è solito pensare di poter prenotare una vacanza al mare, poterci allontanare e “volare via” da questi climi freddi che riempiono le nostre giornate.

Una delle migliori soluzioni risulta essere una settimana alle Bahamas, atterrare a Nassau, capitale dell’arcipelago visitando tutto ciò che ha da offrire e farci cullare dalle onde del mare navigando sul nostro yacht che abbiamo scelto e noleggiato da una delle compagnie di noleggio come Nautal.

Nei mesi che vanno da dicembre ad aprile le piogge sono meno frequenti e il clima è tropicale con temperature che vanno da 25 ai 30°. Ottimo e valido motivo per iniziare a cercare il nostro yacht che ci permetterá di navigare alla scoperta delle sue isole piu belle:

  • Le Isole Exuma sono un arcipelago che si caratterizza per le sue spiagge candide e dorate dove la consistenza della sabbia si avvicina a quella del borotalco. Exuma è un distretto composto da oltre 365 tra isole e isolotti di cui Great Exuma, la piú grande dell’arcipelago che è collegata da un ponte alla seconda isola piú grande e che prende il nome di Little Exume.

Nell’isola di Big Major Cay, anche conosciute come l’isola “dei maiali che nuotano” si possono appunto trovare i questi animaletti facendo il bagno.

Ogni spiaggia che compone questi isolotti è ricoperta da grandi vastitá di fauna e flora esotica ed è bagnata da un mare dalle mille sfumature di azzurro turchese. Alcune tra le spiagge piú importanti da visitare sono: Emerald Beach e Three Sisters Beach.

  • Harbour Island è formata da tre chilometri di sabbia rosa, bagnata da un mare spettacolarmente azzurro che in alcuni punti cambia colore mischiandosi a quello della sabbia. In questo paradiso photoshop non serve per creare la foto perfetta di un panorama già incredibilmente stupendo!
  • Nassau, capitale delle Bahamas, è consigliata per tutti coloro i quali desiderano scoprire meravigliose spiagge mozzafiato e visitare anche elementi architettonici storici e contemporanei che la contraddistinguono, Paradise Island è la destinazione turistica e lussuosa per eccellenza.
  • Eleuthera è l’isola che fra tutte lascia stupefatto ogni turista che abbia la fortuna di visitarla. Presenta uno spettacolo della natura a dir poco spettacolare, un ponte separa letteralmente le acque azzurre caraibiche dal blu intenso dell’Oceano.
  • Cat Island si trova vicino al tropico del Cancro e regala quindi temperature sempre alte e un ambiente tranquillo tipico per il relax, proprio quello che stiamo sognando mentre invece siamo tristemente seduti nel nostro ufficio.

Con chilometri di spiagge rosate, paesaggi incontaminati e luoghi di interesse storico culturale si caratterizza per essere una delle isole più straordinarie di sempre.

  • Long island ospita uno dei fenomeni più spettacolari del mondo: un abisso di 203 metri di profondità diventata la più grande camera subacquea del mondo popolata da ogni tipo immaginabile di pesce, pesci multicolori, cavallucci marini e tartarughe. Questa piscina naturale è racchiusa da tre lati da roccia naturale e il quarto lato da polvere di spiaggia bianchissima bagnata una laguna turchese. Insomma un gioco di colori mai visto prima!
  • Grand Bahama ultima ma non meno importante; su quest’isola potrete di godere di quel lusso e tranquillità che solo alcune spiagge deserte potranno darvi.

Insomma le Bahamas sono e saranno uno degli arcipelaghi che almeno una volta nella vita dovrebbero essere visitati, se a bordo di uno yacht meglio ancora poiché si potrà avere l’opportunità di visitare tutte le isole appena citate e ritrovare quel contatto con la natura con una estrema spensieratezza e semplicità che a volte mettiamo da parte.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*