T-Shirt che produce energia: ecco una grande novità

La tecnologia sta rivoluzionando tantissimi ambiti della vita di tutti i giorni che affrontiamo. I settori maggiormente cresciuti e radicalmente modificati grazie all’avvento di smartphone e tablet sono stati il gioco online, con i portali più sicuri che si possono trovare su casinosicurionline.net, ma anche quello sportivo, con una serie di workout e allenamenti che si possono facilmente scaricare, con il trend del coaching a distanza che sta crescendo sempre di più, e seguire tramite una semplice applicazione sul proprio device mobile.

In realtà, è piuttosto limitativo dire quali settori siano stati cambiati dall’evoluzione tecnologica, dal momento che si va sempre più verso uno scenario interconnesso, con diversi dispositivi che possono tornare estremamente utili nella vita di tutti i giorni. E, in alcuni casi, ci sono dei prodotti che sono stati attesi e sognati per decenni che stanno per essere lanciati sul mercato, un po’ come nel caso della maglietta che va a produrre energia.

Come funziona questa “maglietta”

In effetti, ribattezzarla con un usuale termine di maglietta pare un po’ troppo riduttivo. In effetti, il prototipo di t-shirt che è in grado di produrre energia, che si può notare anche all’interno di un video che sta circolando sul web, rappresenta un vero e proprio gioiellino dal punto di vista dell’avanguardia tecnologica.

Infatti, questa maglietta va a sfruttare una serie di sistemi tecnologici con l’obiettivo di produrre e accumulare sempre più energia elettrica, che si può sfruttare anche per effettuare la ricarica dei vari dispositivi mobili che si ha con sé.

Ci sono alcuni requisiti da rispettare per fare in modo che questa t-shirt possa effettivamente produrre energia, ovvero indossarla, chiaramente, e fare un po’ di movimento. Insomma, guai a chiamarla una semplice maglietta, dal momento che questa maglietta a va sfruttare il movimento fatto dal corpo umore e, in modo particolare il sudore, per diventare una vera e propria fonte di produzione di energia, con l’intento di soddisfare il fabbisogno energetico nella ricarica, ad esempio, del proprio smartphone oppure di altri piccoli device tecnologici.

Nel filmato in cui viene presentato il prototipo si può ammirare molto bene come sia stata realizzata e, ad esempio, il motivo per cui non dà alcun fastidio nei movimenti. Con il sudore, in modo particolare, riesce ad essere estremamente efficace nella produzione di energia. Inoltre, viene mostrato come non subisce alcun danno né dal lavaggio né dallo strofinamento ed è notevolmente flessibile.

Le principali caratteristiche

Sotto il profilo della struttura, bisogna sottolineare come sia tre le componenti peculiari in questa t-shirt. Ovvero, si tratta di celle a biocarburante di ridotta dimensione, che vengono alimentate grazie al sudore, poi ci sono dei sistemi che sono in grado di rilevare il movimento e che vengono attivati proprio da quest’ultimo. Infine, ci sono anche dei supercondensatori che servono chiaramente a immagazzinare più energia possibile. Attenzione, visto che la vera caratteristica è che tutto questo condensato di energia è estremamente flessibile, si può lavare comodamente in lavatrice e può anche essere serigrafato sui tessuti.

Per l’ennesima volta, possiamo notare come si andrà verso un mondo sempre più interconnesso, in cui anche le semplici attività quotidiane, come ad esempio proprio quella di fare un movimento, magari con una corsetta piuttosto che con una passeggiata, potranno diventare una fonte di sostentamento energetico. Certo, non dovete pensare di poter ricaricare un’auto elettrica con l’energia prodotta, ma in ogni caso sarà un quantitativo sufficiente per consentire la ricarica del proprio smartphone o altro gadget tecnologico.

Sia l’idea di realizzare un simile prototipo che il suo sviluppo sono state messe in atto da parte di un gruppo di ingegneri particolarmente competenti nell’ambito della nanotecnologia, che lavorano presso l’Università di San Diego. Un progetto che, tra le altre cose, ha appena trovato spazio sulla rivista della ben nota rivista scientifica Nature.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*